La nostra storia

L' A.TA.DO.VO.S. (Associazione Tavianese Donatori Volontari di Sangue), nasce nel 1971 per promuovere la donazione volontaria e gratuita del sangue.

E' stata la prima in tutto il Centro e Sud d'Italia ad organizzarsi in Associazione e conta ad oggi oltre 2000 Soci Donatori. Raccoglie ogni anno, tra sangue intero ed emoderivati, quasi 1000 donazioni, garantendo insieme alle altre Associazioni della zona, l'autosufficienza nella Provincia di Lecce e per buona parte della Regione Puglia.

L'A.TA.DO.VO.S. promuove la donazione del sangue e l'impegno quotidiano nel Volontariato quale atto di Umana Solidarietà ed essenziale  momento di crescita sociale e civile, verso il conseguimento di una completa e reale  Cittadinanza Attiva.

SIAMO NATI COSI'

Gianfranco, giovane nel fiore di quegli anni in cui più si sogna, perché la vita davanti sembra eterna e le stagioni tutte primavere, rimase vittima di un destino crudele su una strada di provincia una sera di trent'anni fa.

Morire a vent'anni. E' terribile la morte a quella età. Sia quando la si vede avanzare furtiva, farsi strada lentamente, ma inesorabilmente in un corpo e alla fine aggredirlo e ghermirlo, sia, e forse lo è di più, quando arriva all'improvviso, decisa, perentoria, massacrante. Così è stato per GIANFRANCO.

La notizia del dramma, che aveva colpito una delle più note famiglie, fece rapidamente il giro del paese e, come sempre avviene quando a morire è un giovane, ed anche il modo ha il suo peso, suscitò in tutti profondo cordoglio.

Nei giorni successivi i suoi cari e gli amici ebbero un solo pensiero: fare qualcosa per tenere viva la sua memoria, magari attraverso un'opera che esprimesse la passione del vivere dei giovani e tendesse, nello stesso tempo, a ricreare la magia della vita. Perché è sorprendente quanto le persone care che ci hanno lasciato per sempre ce le sentiamo vicine, figure vive, compagni di strada ai quali rivolgiamo la parola quando di loro esiste un segno che ne favorisce il ricordo, e, magari quel segno ce lo troviamo dinanzi all'improvviso, si impadronisce di noi ed occupa intera la nostra memoria.

Da questi pensieri e da quel FILO ROSSO che, la sera del 14 gennaio 1971, bagnò l'asfalto nacque l'idea dell'Associazione dei Donatori Volontari di Sangue "GIANFRANCO FEDERICO".

In principio non fu un cammino facile; una società diffidente, ferma alla donazione diretta tra consanguinei e soggetta ai pregiudizi ancestrali, ne impedì un avvio spedito. Oggi il sentiero angusto e poco praticabile dell'inizio è una strada a più corsie sulla quale marciano con la nostra altre Associazioni (Donatori di Midollo Osseo). Non è la sola, a questa vanno aggiunti i gruppi di Volontariato che garantiscono assistenza dove e quando occorre e si prodigano con impegno costante in opere di bene. Sono i volti della solidarietà, le voci nuove di una società che libera da influssi negativi, si è aperta all' "altro". Associazioni e Gruppi hanno in comune il pensiero di quel Sacerdote che, alla domanda "Secondo lei che cos'è un atto di amore" rispose "Un atto di amore è un abbraccio" e di questa splendida definizione ne fanno il loro credo sociale. Per le Associazioni in particolare quell' "abbraccio" è reso più luminoso dal fascino di dare nuovo vigore ad una vita in pericolo ed essere risolutivo in casi di estrema gravità. E' magnifico.

Ma com'è amaro il ricordo delle origini, di GIANFRANCO e di quella sera di trent'anni fa!

(a cura del compianto maestro Antonio SCHITO)

Copyright ©2019 www.donatoritaviano.org
f t g m